lunedì 26 novembre 2012

Cinque domande a ...


Proseguiamo il nostro viaggio per conoscere il Sistema bibliotecario di Ateneo attraverso i suoi protagonisti da un'altra prospettiva, quella di uno dei 91 studenti che anche quest'anno collaborano con la Biblioteca delle arti. Riteniamo essenziale il contributo dei nostri borsisti non solo per la loro effettiva collaborazione nell'erogazione dei servizi, ma perchè è un feedback diretto e immediato di una parte consistente degli utenti cui ci rivolgiamo.

Oggi risponde alle nostre cinque domande il sig. Edoardo Ortenzi, studente del DAMS e attualmente studente collaboratore (150 ore) presso la Sezione Spettacolo "Lino Miccichè":

 

1.     Qual è il suo lavoro per il Sistema bibliotecario di Ateneo?

 

Oltre a contribuire al sistema bibliotecario come addetto ai servizi di prestito e al controllo della sala, il mio impiego richiede una buona capacità di "public relation" in modo da correlarsi al meglio con l' utente e poter così soddisfare pienamente la sua richiesta e soprattutto creare un giudizio positivo nei confronti del sistema bibliotecario ed attrarre un maggior numero di utenti.

 

2.     Per lei un libro è …

 

Un libro non è una semplice creazione di carta e inchiostro, può essere un qualcosa che ti emoziona o che ti strappa un sorriso per un ricordo personale nuovamente rivelato...in un libro si ritrova l' esperienza di chi l' ha scritto e la sua passione e quindi è un qualcosa con un significato profondo ed umano.

 

3.     Se dovesse partire per un lungo viaggio, i tre libri che metterebbe in valigia.

 

Per un lungo viaggio porterei determinati libri in modo da poterli leggere a seconda delle situazioni...

Uno di poesia: (indicherò il mio preferito) Emily Dickinson, Poesie, per poterlo leggere in brevi momenti di pausa.

Un romanzo: R.R. Martin, le cronache del ghiaccio e del fuoco, per poter rilassarmi prima di andare a dormire.

Infine aggiungerei un libro di un genere completamente nuovo e a me sconosciuto per ampliare la mia visione delle cose, sceglierei un libro a caso.

 

4.     Cinque aggettivi per definire la sua biblioteca ideale …

 

Multimediale, multidisciplinare, pubblica, multiculturale, funzionale.

 

5.      Cosa consiglierebbe ad un utente che entra per la prima volta in biblioteca?

 

Gli consiglierei di esplorare la sezione di cinema e teatro molto ben fornita ampliando l'osservazione con un buon DVD.

 

Grazie mille Edoardo!

To be continued ...

1 commenti:

Carlo Spadafora ha detto...

Beato te che ti rilassi con Le cronache del ghiaccio e del fuoco. Io dopo che ho letto Martin ho voglia di farmi un giro sulla metro con uno spadone a due mani...

 
#cf4a { height: 200px; margin: 3em 0; position: relative; width: 400px; } div#cf4a img { border-left: 1px solid #ccc; border-top: 1px solid #ccc; box-shadow: 5px 5px 5px #aaa; position: absolute; left: 0; } div#cf4a img { animation-duration: 16s; animation-iteration-count: infinite; animation-name: cf4FadeInOut; animation-timing-function: ease-in-out; } div#cf4a img:nth-of-type(1) { animation-delay: 12s; } div#cf4a img:nth-of-type(2) { animation-delay: 8s; } div#cf4a img:nth-of-type(3) { animation-delay: 4s; } div#cf4a img:nth-of-type(4) { } @keyframes cf4FadeInOut { 0% { opacity: 1; } 17% { opacity: 1; } 25% { opacity: 0; } 92% { opacity: 0; } 100% { opacity: 1; } } .slideshow-container { width: 260px; height: 200px; background: #940F04; border: 2px solid #940F04; }